L'idea di autocostruire un alimentatore HT è nata dal fatto di averne uno solo per due amplificatori. Dopo aver reperito il materiale necessario soprattutto grazie all'aiuto di qualche OM locale (I0ZQB) sono passato con la "dovuta cautela" alla messa in opera. Lo schema è quello classico con il ponte raddrizzatore costituito da quattro poderosi rettificatori gia' pronti da 16 Kvolt. Il trasformatore acquistato nel surplus qualche anno fa è da 7000 Kva quindi nessun problema ad alimentare 2x8877. Il condensatore di livellamento è un carta olio da 5200 Volt 8 microfarad. All'accensione una resistenza da 100 Ohm in serie al primario del trasformatore ne limita la tensione di ingresso, dopo circa 2 secondi tramite un timer la 220 arriva al trasformatore. All'uscita del ponte uno shunt composto da quattro resistenze da 1,2 megaohm permette di ottenere la corrente necessaria (Max 1mA) ad attraversare uno strumento per la misura in Volt dell'HT. Una resistenza di basso valore in serie all'uscita, serve a proteggere ilsistema da un eventuale corto proveniente dall'amplificatore. Utilizzo l'alimentatore per un vecchio Alpha 77 SX gia' dotato all'interno di bleeder, quindi ho tralasciato questo particolare. Un contenitore costruito con materiale di recupero racchiude tutti i componenti.

alimentatoreht1 alimentatoreht2 alimentatoreht3 

.